Giovanni Palatucci: L’ultimo Questore di Fiume Italiana.

Don Michele Di Martino: Giuseppe Maria Palatucci, gli Ebrei di Campagna e la rete di solidarietà.
Settembre 2, 2021
“La storia di Palatucci ha segnato fortemente il dibattito su salvatori e salvati, su giusti e ingiusti […] e in questo dibattito la storia umana di Giovanni Palatucci ha rischiato di perdersi, di non essere più importante. Ora questo libro la riporta in piena luce. […] la storia di un individuo giusto, delle sue scelte morali, della sua crescita politica anche, ma individuale. E di questo, di illuminare le coscienze e le vite di quanti hanno saputo fare scelte, abbiamo bisogno. In questo libro, Giovanni appare a tutto tondo, nei due tempi in cui si articola la narrazione, quello di Dachau e della morte imminente, e quello della vita, qui ripercorsa nel ricordo del protagonista del lager. E poi, perché tutto questo è espresso in una lingua affascinante, fitta di colori, di luci, di illuminazioni. I personaggi non sono descritti, spuntano, si illuminano come se emergessero dallo sfondo sulla ribalta di un palcoscenico. E anche questa scrittura così letteraria, in cui gli sfondi non sono grigi scenari ma paesaggi densi di colori e di luce, contribuisce potentemente a ridare vita all’ultimo questore di Fiume. E ridar vita è quello che, in memoria dei caduti della Shoah come di chi li ha aiutati, è necessario: dire i nomi, tutti i nomi. Ricostruire il mondo intorno a loro. Entrare nel loro animo, nelle loro emozioni, nelle loro scelte.” Dalla prefazione di Anna Foa.

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi